Per Diletto e per Passione

La mia ultima Ricetta

Baccalà alla vicentina e maltaglia ...

Tempo di realizzazione   30'

Baccalà alla vicentina e maltagliati

Baccalà alla vicentina e maltagliati

Innanzitutto definiamo la differenza tra baccalà e stoccafisso,  si tratta di merluzzo in due tecniche di conservazione ben distinte. Il primo sotto sale il secondo invece essiccato all’aria. Ora, l’unico luogo in cui si intende praticamente l’inverso e’ nel vicentino, la conclusione e’ il fatto che per fare questo piatto andrebbe utilizzato lo stoccafisso (definito baccalà a Vicenza, da qui il suo nome) ma io ho utilizzato comunque il baccalà, dissalato e ammollato.

Il risultato e’ quasi una crema morbida che si mangia sulla polenta, o sulle fette di pane abbrustolito e generalmente nelle giornate fredde d’inverno perche’ e’ un piatto abbastanza calorico,  ma buonissimo. Io ho preferito utilizzarlo su  maltagliati fumanti,  un piatto unico, proprio da leccarsi i baffi.

Un consiglio, non lesinate nell’uso dell’olio perche’ ne rovinereste la consistenza!!!

Buon appetito!

 

 

 

Categoria Primi

Grado di difficoltà Facile

INGREDIENTI   12 persone

Baccala' o stoccafisso da ammollare

1 kg

Cipolle

250 g

Olio extravergine d'oliva delicato

500 ml

Sarde sotto sale

4

Latte fresco

500 ml

Parmigiano reggiano grattugiato

50 g

Prezzemolo

un ciuffo

sale e pepe

qb

http://www.aifb.it/
 

NEWSLETTER

Per iscrivierti alla newsletter di Pane Zucchero ti basta inserire la tua e-mail nel campo sottostante e cliccare su ISCRIVITI!


PREPARAZIONE

Baccalà alla vicentina e maltagliati

Iniziamo con la preparazione del baccala, per i Maltagliati cliccate qui e ricavaterne la ricetta.

Ammollare il baccala in acqua fredda cambiandola almeno due volte al giorno per tre giorni.

Togliere la pelle e tutte le spine, tagliarlo a pezzi simili tra di loro. Affettare le cipolle e rosolarle in una casseruola con un bicchiere d’olio, aggiungere le sarde pulite dal loro sale, disliscate e tagliate a pezzettini; spengete il fuoco e solo a questo punto aggiungete il prezzemolo tritato.

Infarinate i pezzi di baccalà e disponeteli in un tegame preferibilmente in coccio sul cui fondo avrete messo qualche cucchiaio di soffritto, irroretelo poi con il rimanente. Aggiungete latte, grana sale e pepe, terminate con l’olio a filo fino a coprire tutto il baccala’. Cuocere a fiamma bassissima per circa 4 ore e mezzo, muovendo il tegame senza pero’ mescolre.

Nel vicentino questa cottura viene chiamata “pipare” ma solo l’esperienza di chi da sempre cuoce il baccalà in questo modo, sa definire quando effettivamente si e’ arrivati al termine della cottura che comunque varia a seconda della consistenza del pesce.

Solitamente si serve il baccalà alla vicentina con polenta tagliata a fette o su crostoni di pane, io ho scelto una versione diversa accompagnando questo buonissimo intruglio con un buon piatto di maltagliati.

Da notare che dopo un riposo di circa 12 ore questa pietanza potra dare il meglio di se….

Buon appetito.

 

 

 

STAMPA RICETTA
ALTRE RICETTE DELLA CATEGORIA Primi
N° Visite: 124948