Responsive Menu Pro Image Responsive Menu Clicked Image
Per Diletto e per Passione 521 ricette

Categoria Secondi

Grado di difficoltà Facile

Tempo di realizzazione   30'

INGREDIENTI   6 persone

Trippa gia' cotta ( croce o cuffia)

1 Kg

Cipolla

1

Sedano

1 stocco

Carota

1 grande

Pomodori pelati

600 g

Olio evo

abbondante

sale e pepe

qb

Parmigiano grattato

a piacere

http://www.aifb.it/
 

NEWSLETTER

Per iscrivierti alla newsletter di Pane Zucchero ti basta inserire la tua e-mail nel campo sottostante e cliccare su ISCRIVITI!


Trippa alla fiorentina

Trippa alla fiorentina

La trippa e’ un piatto strabuono che viene cucinato in maniera diversa in varie parti d’Italia , famosissima e’ la trippa alla romana o la trippa alla fiorentina , di quest’ultima voglio parlarvi oggi perche’ tipica della mia terra. Veniamo a noi, ma sapete da quale parte dell’animale viene recuperata la trippa?  Il nome parla chiaro ma sapete anche  che i ruminanti hanno 3 prestomaci ed uno stomaco? Io personalemente non lo sapevo fino a quando non l’ho studiato in Accademia Italiana Chef. E allora vediamo un po’ di cosa effettivamente stiamo parlando.

I prestomaci sono il rumine che prende il nome di  croce ( trippa comune, quella liscia), il reticolo o cuffia , dall’aspetto spugnoso ed il terzo l’omaso o centopelli, caratterizzato da molte pieghe o foglie bianche.

Lo stomaco invece si chiama abomaso e prende il nome comune di Lampredotto, di color marrone. A Firenze il lampredotto viene suddiviso in altre due categorie, proprio per esser precisi, la spannocchia liscia e la gala.

Ora dovete sapere , vista la provenienza del prodotto, che e’ necessario un trattamento particolare per rendere la trippa  commestibile ed e’  molto difficile  che si possa fare a casa ma ci sono i trippai che provvedono a rendere “pulito” questo taglio di carne per poi metterla in commercio.

In Toscana  la Trippa si prepara al pomodoro, mentre il centopelli non e’ molto utilizzato e se si cucina si  fa a minestra, mentre il lampredotto molto tenero, si cucina in brodo e viene servito in mezzo a panini morbidi bagnati sempre nel brodo ed accompagnato da salsa verde. In ogni agnolo di Firenze ci sono i trippai che vendono questo alimento paradisiaco  che da sempre è il nostro  street food ed ‘ facile, per gli intenditori stilare  un elenco tra i piu’ bravi…..

Ecco quindi che vi lascio la ricetta di casa mia per la Trippa alla fiorentina…

PREPARAZIONE

Trippa alla fiorentina

Dopo aver acquistato la trippa ( precotta)  e prima di procedere alla cottura, io vi consiglio di bollirla anche solo  per cinque minuti, giusto per togliere le eventuali impurita’. Scolatela fatela raffreddare un po’ poi tagliatela a listarelle non troppo grandi, io le faccio piu’ piccole di un centimetro. In una casseruola rosolate in abbondante olio cipolla carota e sedano tritati finemente. Fate rosolare, girando spesso per circa 10 minuti poi aggiungete i pomodori. Salate e pepate e fate cuocere per una decina di minuti dopodiche’ aggiungete la trippa. Fatela cuocere con il coperchio, molto lentamente per un’oretta e mezzo. Spegnete il foco, spolverizzate  ( a piacere) con due cucchiai di parmigiano, girate e lasciate riposare per 5 minuti. Servitela cosparsa con altro parmigiano reggiano, sempre se vi aggrada.

Seguimi su Instagram

ALTRE RICETTE DELLA CATEGORIA Secondi