Per Diletto e per Passione

Testaroli burro e salvia

Tempo di realizzazione   40'

I Testaroli  sono tipici della Lunigiana  e piu’ precisamente di Pontremoli in provincia di Massa e Carrara, si cuociono su speciali piastre in ghisa chiamate Testi. Si trovano anche confezionati sottovuoto in grossi dischi da 30 cm di diametro pronti da tagliare a rombi. La loro particolarità’ e’ che gettandoli in acqua bollente salata a fuoco spento in due tre secondi sono pronti. Sono buonissimi da gustare al pesto, al pomodoro ma anche burro e salvia. Io oggi ho scelto questa versione.

Conoscevo per fama questo prodotto ma non lo avevo mai assaggiato fino a che in estate ad una sagra in Pontassieve , provincia di Firenze, non ho visto dal vivo la loro preparazione, con L’utilizzo  del fuoco e dei testi antichi . Ne ho comprati alcuni già’ pronti ma poi, conoscendomi, è’ arrivato il momento di farli da sola.

Categoria Primi

Grado di difficoltà Medio

INGREDIENTI   4 persone

Farina

400 gr

Burro

80 gr

Salvia

Un mazzetto

ParmigianoRggino

Qb

Noce moscata

Qb

Sale e pepe

Qb

http://www.aifb.it/
 

NEWSLETTER

Per iscrivierti alla newsletter di Pane Zucchero ti basta inserire la tua e-mail nel campo sottostante e cliccare su ISCRIVITI!


PREPARAZIONE

Per questi Testaroli burro e salvia fate cosi

in una ciotola unire la farina ( io ho usato i grani antichi, ma va bene una semintegrale o bianca, come meglio preferite) e stemperatela con circa un litro di acqua a temperatura ambiente. Prendete una padella antiaderente o una padella per crepes scaldatela benissimo e poi abbassate la fiamma. Prendete un romaiolo e riversate il composto fatcendo in modo di ricavare circa quattro Testaroli , lo spessore deve essere di circa 2/3 mm ciascuno , cuoceteli per circa 5 minuti girandoli a metà’ cottura.

Tagliate i Testaroli a losanghe e metteteli da parte. Mettete una pentola d’acqua salata sul fuoco e al bollore spegnetela e gettatevi solo per un paio di secondi i Testaroli già’ tagliati. Nel frattempo avrete sciolto il burro con la salvia e aromatizzato il tutto con una grattugiata di noce moscata. Ponete sul piatto di ciascun commensale un po’ di burro fuso ponetevi sopra i Testaroli con qualche foglia di salvia e una spolverata abbondante di parmigiano.

Mangiate  subito .

Se i dischi dei Testaroli dovessero avanzarvi prima di essere tagliati e cotti, arrotolateli con pellicola trasparente e riponeteli in frigo si conserveranno un paio di giorni.

STAMPA RICETTA
ALTRE RICETTE DELLA CATEGORIA Primi