Per Diletto e per Passione

Risotto cotechino e cavoli croccanti

Tempo di realizzazione   40'

Risotto cotechino e cavoli croccanti

Si avvicina il Natale ed io continuo il mio percorso formativo nelle cucine dell’Osteria di Passignano, il ristorante stellato degli Antinori. Questa e’ una vera scuola di cucina,  a tutto tondo. Molte tecniche di preparazione e cottura,  di conservazione degli alimenti, abbinamenti particolari cura pulizia,  meticolosita’ in ogni movimento, come pure nel riporre utensili e stoviglie ogni qualvolta se ne faccia uso.

Ogni giorno, quando esco da quella cucina ho un carico di nozioni in piu’ da ricordare e da trascrivere nel mio ormai divenuto e soprannominato “taccuino della mia passione” . Non svelero’ mai le loro ricette ma faro’ tesoro delle tecniche apprese e ne prendero’ spunto per le mie .

In questo periodo non ho neppure molto tempo per dedicarmi al blog, non nego che cucino molto anche a casa per mettere in pratica quanto appreso, ma il lavoro piu’ lungo diventa sempre lo scrivere e  il …fotografare. La luce delle lunghe giornate estive aiuta moltissimo nei click ma in inverno e’ tutto molto piu’ complesso ed e’ per questo che talvolta ci ricuncio…d’altronde quando ho iniziato l’Accademia Italiana Chef..avevo messo in conto anche questo. Diciamo comunque che tutto cio’ ha un fine…sto lavorando per voi.

Questa ricetta che vi propongo e’ un semplice risotto “agghindato” da piatto delle feste.. apparentemente complicato ma ritengo invece sia semplicissimo e di sicuro effetto per stupire i vostri ospiti durante pranzi cene e cenoni natalizi.

 

Categoria Primi

Grado di difficoltà Medio

INGREDIENTI   4 persone

Riso carnaroli

320 g

Cavolo nero

8 foglie

Cavolo verza

16 foglie grandi

Cotechino (anche precotto)

1

Scalogno

1

Brodo vegetale

900 ml

Olio evo

qb

sale

qb

Pepe

qb

Burro di ottima qualita'

una noce

Parmigiano reggiano

20 g

http://www.aifb.it/
 

NEWSLETTER

Per iscrivierti alla newsletter di Pane Zucchero ti basta inserire la tua e-mail nel campo sottostante e cliccare su ISCRIVITI!


PREPARAZIONE

Risotto cotechino e cavoli croccanti

Per le sfere di cavolo verza essiccate:

Lavate le otto foglie di cavolo verza, lessatele in acqua bollente per circa tre minuti poi immergetele in acqua e ghiaccio per mantenere intatto il colore; con un coppapasta ricavare dalle foglie medesime otto cerchi di circa 10 cm   che adagerete su di uno stampo in silicone a semisfere o su coppette in vetro resistente alle alte temperature, (tenete da parte i ritagli)  fate essiccare in forno alla temperatura di 100 gradi per circa n’ora. Quando saranno pronte riponetele in una scatola vicino ad una fonte di calore (potete preparare le semisfere anche qualche giorno prima del loro utilizzo.

Per le foglie essiccate di cavolo nero.

Lavate il cavolo nero e sfogliatelo dal gambo, lessatelo per due o tre minuti poi passatelo in acqua e ghiaccio. Distendetene una decina di pezzetti sulla placca del forno e fate essiccare a 100 gradi per circa un’ora. Estraeteli dal forno e conservate anch’essi in una scatola ermetica vicino ad una fonte di calore.

Tagliate a coltello il cotechino e fatelo arrostire in una padella antiaderente, tenete da parte.

Prepariamo il risotto:

Tritate finemente i residui dei cavoli lessati e tenete da parte. Tritate lo scalogno e mettetelo a soffriggere unitevi i cavoli  lessati e tritati e fateli insaporire. Mettete adesso il riso e fatelo  tostare un po’ dopodiche’ versatevi il brodo un po’ alla volta ed il cotechino arrostito in precedenza, tenendone da parte una piccola quantita’ per decorare il piatto.

A fine cottura e a fuoco spento mantecare il risotto con il burro ed il parmigiano, aggiustare di sale e pepe.

Impiattate il riso ponetevi a guarnizione il cavolo nero essiccato e sopra la cupoletta di verza con al suo interno il cotechino, chiudete con l’altra mezza cupola, finite la preparazione con una generosa”C” d’olio extravergine di oliva.

Buon appetito!

 

 

 

STAMPA RICETTA
ALTRE RICETTE DELLA CATEGORIA Primi