Per Diletto e per Passione

Pan di Ramerino

Tempo di realizzazione   30'

Il Pan di Ramerino, dolce tipico di Firenze  ha origini medievali, una volta veniva preparato dai fornai il giovedi’ santo per poi esser portato in Chiesa ed essere benedetto dal Parroco, ricordo ancora quando mia nonna mi dava il sacchettino pieno di panini per portarlo a Messa!

Adesso lo si puo’ trovare durante tutto l’anno e fa parte delle nostre tradizioni.

Avevo questa ricetta   nella dispensa di un Corso Base di Pane e pasticceria tenuto dal grande Maestro Gianluca Conficoni, quest’anno visto l’avvicinarsi alla Pasqua, ho deciso di rispolvevarla, ed e’ sempre un piacere ricordare mentre impasto questa grande persona che tanta passione metteva e mette tutt’ora nel trasmettere ai suoi allievi l’arte della panificazione, per non dimenticare le nostre origini e tradizioni.

 

 

 

 

Categoria Dolci

Grado di difficoltà Medio

INGREDIENTI   12 persone

Farina OO w250/280

1 kg

Lievito di. Birra fresco

50 gr

Strutto o burro

150 gr

Zucchero semolato

100 gr

Sale

25 gr

Uvetta

300 gr

Acqua

500 gr circa

Aghi di rosmarino

10 gr

Olio di oliva

30 gr

Uovo

1

Per lo sciroppo:

Acqua

80 gr

Zucchero

80 gr

mezza bacca di vaniglia

http://www.aifb.it/
 

NEWSLETTER

Per iscrivierti alla newsletter di Pane Zucchero ti basta inserire la tua e-mail nel campo sottostante e cliccare su ISCRIVITI!


PREPARAZIONE

Per il Pan di Ramerino si procede cosi’…

Tritare finemente il rosmarino e soffriggerlo con l’olio di oliva, lasciar raffreddare.

Sciogliere il lievito in meta’ acqua, aggiungere la farina e lo zucchero, iniziare ad impastare aggiungendo l’acqua necessaria

Dopo cinque minuti aggiungere il sale ed un filo d’acqua.

Quando l’impasto ha preso corda ed e’ divenuto compatto e liscio unire il burro o lo strutto (io ho messo il burro) e regolare la consistenza con l’aggiunta di acqua.

A fine impastamento, incorporare il soffritto di olio e rosmarino e l’uvetta (precedentemente lavata), lasciar puntare (riposare) l’impasto per 15 minuti.

Fare le pezzature da circa 100 grammi formando delle palline ponendole in teglia foderata con carta forno ben distanziate tra di loro. Incidete con un tarocco o con un coltello come indicato nelle foto, pennellare con l’uovo sbattuto e mettere a lievitare. Al momento di infornare dorare nuovamente i panini con l’uovo sbattuto, ponete in forno e cuocere a 180 grammi per 20 minuti.

Preparare uno sciroppo facendo bollire 80 grammi di acqua con 80 gr di zucchero e il mezzo baccello di vaniglia.

Sfornate i panini e immediatamente pennellateli con lo sciroppo di zucchero.

I panini si mangiano tiepidi o se freddi, scaldati dieci minuti in forno caldo.

 

P.s.

I panini si manterranno meglio se fatti con lievito madre o con una biga fatta il giorno prima. Io per velocita’ e comodita’ ho scelto questa ricetta ugualmente squisita. Un consiglio….

Con questa ricetta vengono fuori circa 18 panini di ramerino che ho congelato ben distanziati tra di loro e che ho utilizzato al momento del bisogno, togliendoli dal congelatore, portandoli a temperatura ambiente e, volendo scaldati un po’ in forno.

 

STAMPA RICETTA
ALTRE RICETTE DELLA CATEGORIA Dolci